Formule Esplosive per il Web Marketing

Meta-Marketing, quando ad essere promosso è il marketing stesso

I non giovanissimi, si ricorderanno questo spot, un classico anni ‘80

Per la prima volta, il protagonista dello spot, è infatti il marketing, ovvero il tentativo di vendere il prodotto.

Ci sono addirittura toni maliziosi in questo marketing, visto il ghigno malefico di Grillo a conclusione dello spot.

Probabilmente non è ancora definibile meta-marketing, ma lo trovo un precursore.

Premessa:

nell’ultimo secolo, le “meta-robe” hanno invaso prima l’arte (Pirandello nel teatro, René Magritte - “Questa non è una pipa”) e poi la cultura popolare. Si potrebbero trovare esempi a non finire.

Negli anni 90’, la serie tv Seinfield, mette in scena la vita del comico Seinfield (persona reale), che in una puntata cerca addirittura di creare una sitcom chiamata Seinfield...

Il Meta-Marketing

Dalla fiction televisiva al marketing tuttavia, il passo è meno breve di quanto sembri.

Che piaccia o no, storicamente la pubblicità è una cosa “poco pulita” che fatica a lasciarsi andare a divagazioni artistiche o anche solamente intelligenti.

Del resto i pubblicitari pensano a cosa funziona di più, a cosa fà più vendere, e non certo a cosa piace.

D’altra parte, nel nuovo millennio, le grandi masse cominciano ad abituarsi alle scatole cinesi della metacomunicazione.

Nasce il web 2.0, i social, si apre la comunicazione con i brand, e le suddette masse cominciano anche ad essere consapevoli che dietro la comunicazione dei prodotti ci sono delle scelte, ci sono dei piani, c’è una attività di marketing insomma.

Se il marketing comincia quindi ad essere “sgamato”, quale migliore soluzione di farlo uscire del tutto allo scoperto

Chiariamoci, Mr. Wolfdog non è il primo esempio di meta-marketing, ma devo dire che non si era mai visto niente a questo livello di consapevolezza.

In altri video, il sedicente marketing chief, arriva ad ordinare agli spettatori di comprare il prodotto (adattandosi all’idea di 30 anni prima di Yomo), e la magia consiste nel fatto che non risulta affatto antipatico.

Si tratta sicuramente di un soggetto virale, anche perchè a me ricorda tanto una presa a quelle aziende tipo Blackberry, o Coca-cola che fanno marketing dicendo “Alicia Keys è il nuovo Chief marketing di Blackberry”, “Will-i-am è il nuovo head marketing di Coca-cola”.

Me li vedo proprio a discutere su calcoli di ROI e Business Intelligence

Newsletter

E' Gratis! Serve altro?! Iscriviti!

Viral Feed

Newsletter

Hai davvero letto fino qui?! Allora devi proprio iscriverti!

Newsletter

E' Gratis. Serve altro?

Default Theme
Layout Direction
Body
Background Color [r]
Text color [r]